Pensare la scuola

A cura di Nicolò Bindi e Niccolò Mochi-Poltri

17 06, 2021

Sull’Esame di Stato: considerazioni di un’insegnante

Di |2021-06-17T18:23:43+02:0017 Giugno 2021|Pensare la scuola|

Questo faticoso anno scolastico è giunto al termine e si avvicina, per gli studenti della quinta, la prova finale, l’Esame di Stato, tanto agognato quanto temuto da qualsiasi alunno delle superiori. La maturità non è soltanto il coronamento di anni di studio, ma rappresenta un vero e proprio rito di iniziazione...

11 06, 2021

Francia-Italia: un confronto sulla scuola (Parte I)

Di |2021-06-11T22:14:50+02:0011 Giugno 2021|Pensare la scuola|

In questa serie di articoli tratterò di alcuni aspetti del modello scolastico francese, in relazione al contesto italiano. Parlare di modello scolastico senza pensarlo in una relazione storico-culturale è un’operazione rischiosa e banalizzante. Per questo motivo, prima di approcciare l’argomento di questi articoli...

28 05, 2021

Scuola: intervenire prima che sia troppo tardi

Di |2021-05-28T21:14:41+02:0028 Maggio 2021|Pensare la scuola|

L’ultimo, in ordine cronologico, a fotografare l'umiliante condizione di molti giovani del nostro Paese è il rapporto dell’Istituto Toniolo reso noto solo pochi giorni fa. Anzitutto, un aumento della percentuale dei Neet (Not in Education, Employment or Training, che così traduce e descrive il Dizionario Treccani...

20 05, 2021

Si fa presto a dire “Riforma Gentile” (parte terza)

Di |2021-05-20T20:26:55+02:0020 Maggio 2021|Pensare la scuola|

Il regime cadde di fatto nel 1943. Quel che ne rimase si trasferì sulle sponde del lago di Garda, per tentare una resistenza impossibile all’avanzata degli eserciti alleati. Proprio ai ranghi di quello americano apparteneva Carleton W. Washburne (Chicago, 1889 – Okemos, 1968), un pedagogista americano...

18 05, 2021

Si fa presto a dire “Riforma Gentile” (parte seconda)

Di |2021-05-18T21:02:47+02:0018 Maggio 2021|Pensare la scuola|

Giovanni Gentile non poté in prima persona accompagnare la crescita della sua creatura. Egli si dimise come ministro della Pubblica Istruzione in seguito all’omicidio del deputato socialista Giacomo Matteotti (giugno 1924). Questo episodio produsse una conseguenza paradossale...

14 05, 2021

Si fa presto a dire “Riforma Gentile” (parte prima)

Di |2021-05-14T22:07:57+02:0014 Maggio 2021|Pensare la scuola|

Giovanni Gentile (Castelvetrano, 1875 – Firenze, 1944) all’epoca della sua nomina a ministro della Pubblica Istruzione (30 ottobre 1922), non aveva ancora aderito al Partito nazionale fascista. Vi avrebbe aderito solo nel 1923, adducendo una motivazione piuttosto interessante, per quanto possa suonare strana al pubblico del “senno di poi”...

11 05, 2021

Istruzione a rischio distruzione?

Di |2021-05-11T15:25:22+02:0011 Maggio 2021|Pensare la scuola|

Secondo il 22° rapporto sugli atteggiamenti degli italiani nei confronti delle istituzioni e della politica, realizzato nel 2019 da Demos, maggiore fiducia riscuotono le forze dell’ordine (73%) e il Papa (66%). Sopra il 50% restano soltanto la “scuola” (54%) e il Presidente della Repubblica (55%), comunque sceso nel gradimento di 15 punti percentuali rispetto al 2009...

24 04, 2021

A proposito di Didattica a Distanza

Di |2021-04-24T00:35:33+02:0024 Aprile 2021|Pensare la scuola|

Sono anni che nelle stanze del ministero dell’Istruzione si ragiona sull’opportunità di adottare strumenti digitali per la didattica. Ma «ragionare» non significa “applicare”, così che tra la teoria e la prassi della didattica su questo specifico argomento si è sviluppato lo iato dell’esperienza...

2 04, 2021

Pensare la scuola

Di |2021-04-02T17:55:33+02:002 Aprile 2021|Pensare la scuola|

Non è consuetudine che la rete mediatica italiana conceda i suoi riflettori a un dibattito che riguardi la Pubblica Istruzione del nostro Paese. Non sappiamo con precisione se ciò avvenga perché si pensa che l’argomento susciti nel pubblico poco interesse, oppure per il fatto che non esistono delle vere e strutturate discussioni politiche in merito...

Torna in cima