Circa Antonio Messina

Antonio Messina è laureato in Scienze Storiche all’Università di Catania, con una tesi sul socialismo arabo di Gamal Abd el-Nasser, è attualmente Ph.D. Student in Scienze Politiche (XXXVI ciclo) presso l’ateneo catanese. Ricopre il ruolo di caporedattore del semestrale «Il Pensiero Storico. Rivista internazionale di storia delle idee», da lui fondata; è socio della Società Italiana per lo Studio della Storia Contemporanea (SISSCO) e dell’Istituto euro-arabo di Mazara del Vallo. È membro del comitato scientifico della rivista «La Razón histórica: revista hispanoamericana de historia de las ideas políticas y sociales». I suoi principali interessi concernono la filosofia politica, la geopolitica, e la storia delle dottrine politiche, con particolare riferimento alla storia intellettuale dei regimi autocratici. Tra le sue pubblicazioni: L'economia nello stato totalitario fascista (Ariccia 2017); Giovanni Gentile. Il pensiero politico. Scritti e discorsi 1899-1944 (Roma 2019).

19 04, 2021

Una rivoluzione per l’Egitto: il progetto di Nasser (seconda parte)

Di |2021-04-19T20:28:42+02:0019 Aprile 2021|Africa: storia e pensiero|

Tra gli anni ʼ50 e ʼ60 Nasser si pose come punto di riferimento e come faro di speranza di tutto il mondo arabo e delle varie rivoluzioni progressiste che ne hanno attraversato la storia. Comprese e approfittò della peculiarità geostrategica dell’Egitto nel mondo arabo per veicolare l’ideologia del panarabismo. I numerosi discorsi tenuti da...

15 04, 2021

Una rivoluzione per l’Egitto: il progetto di Nasser (prima parte)

Di |2021-04-15T20:40:01+02:0015 Aprile 2021|Africa: storia e pensiero|

Negli anni ʼ50 il leader egiziano Gamal Abdel-Nasser (1918-1970) diede alle stampe Filosofia della Rivoluzione, opera che presenta quel complesso di idee che costituiscono il sostrato ideologico del nasserismo, cioè la sintesi organica di nazionalismo e socialismo, fusi con i valori religiosi e tradizionali desunti dalla storia egiziana...

8 08, 2019

Il filosofo del fascismo

Di |2019-11-11T00:32:19+01:008 Agosto 2019|Letture|

Nel 1951 Maurice Duverger, insigne politologo francese, asseriva che «la maggior parte degli studi sui partiti politici si concentra soprattutto sull’analisi delle loro dottrine. Questo orientamento deriva dalla nozione liberale di partito che lo considera innanzitutto come un raggruppamento ideologico». Se questo è stato particolarmente vero per i partiti politici di tradizione liberale e socialista, lo stesso non si può dire per le analisi che hanno provato a spiegare il fenomeno fascista...

Torna in cima