Valerio Vagnoli (1952) si è laureato in letteratura italiana moderna e contemporanea con Luigi Baldacci. Dal 1973 al 2007 ha insegnato in tutti gli ordini di scuola, inclusi gli istituti penitenziari di Firenze. Rimane fondamentale la sua esperienza di maestro nel carcere minorile e nella sezione femminile del carcere di Sollicciano (sembra sia stato il primo docente maschio a ricoprire questo ruolo in Italia) ove peraltro incontrò e lavorò con Antonio Gelardi, già allora un illuminato giovane vicedirettore e in seguito uno dei direttori carcerari più innovatori del nostro Paese. Dal 2007  ha diretto scuole di ogni ordine e indirizzo chiudendo dopo 44 anni la propria attività all'Istituto professionale Saffi di Firenze. E, non a caso, sull'importanza di ricostruire  una autentica formazione professionale nel nostro Paese continua a mantenere  un costante e motivato impegno. Ha fatto parte del “Gruppo di Firenze” e collabora da tempo con quotidiani e riviste.

Abstract
The essay questions the problems of education and the lack of serious discussion on the subject by any ruling class. The cause of the decay of the Italian school system is identified in the policies that have followed one another since the ’60s and, concretized in the Delegate Decrees of 1974, whose common trait is the reference to a goodist ideology, little inclined to merit and rules, of Catholic-Communist matrix.

Keywords: Florence Group, School, Education, Catholic-Communist Ideology, Don Lorenzo Milani.


Leggi l’intero articolo in PDF


 1,317 Visite totali,  4 visite odierne